June 26, 2017

Cinema Corner

Addio al professore della memoria

Negli ultimi tempi complice l’impossibilità di collegarmi, per motivi che qui sorvoleremo, ai canali nazional popolari o a quelli a pagamento commercial demenziali,  mi sono dedicato al piacere di rivedere dei film che sono stati trasmessi per fin troppo breve tempo dai canali televisivi tradizionali e che ho gelosamente conservato.

Se dovessi fare una classifica degli ultimi tre,  in ordine di preferenza rigorosamente e del tutto casuale, metterei: Django Unchained, La Caduta, e Le Vite Degli Altri (la maiuscola non è un omaggio alla lingua di Kant ma piuttosto alle opere in se stesse).

Citerei anche il Nome della Rosa se non fosse che la versione cinematografica fa gridar vendetta per alcune vere e proprie bestemmie interpretative del regista (come la morte di Bernardo Guy, inesistente nel libro e che è tipica di un certo genere cinematografico importato da oltreoceano che necessita di “happy end” o almeno di una certa speranza che uccide a volte l’originale idea dell’autore o del regista stesso- si guardi ad esempio la versione di Blade Runner “director’s cut”).

Nonostante i tre film siano diversi tra di loro,  anche se si potrebbe identificare una purt roppo facile linearità temporale tra il film sugli ultimi giorni del macellaio di Berlino (inteso sia come attributo personale che come nome proprio visto quello che era  diventata la città-mattatoio nell’Aprile del 1945) e quello della stessa Berlino anni dopo inquadrata sotto la sottile fitta nebbia della normalizzazione orwelliana da grande fratello, il nesso con Django si fa difficoltà a trovarlo. Infatti non c’è, se non fosse per la superba interpretazione di un attore di origine germanica, come Christoph Waltz, così come superba è l’interpretazione degli altri due teutonici Bruno Ganz e  Ulrich Mühe.

Il fattore che hanno in comune  è quello della “memoria”, la memoria storica che ormai nessuno sembra più voler curare. La memoria della segregazione razziale e da dove viene, la memoria delle guerre e del totalitarismo dei primi del 900, la memoria della Stasi e del mito del controllo assoluto.

Eppure se ne parla sempre meno tanto che ci hanno dovuto fare una giornata apposta. Guardi i palinsesti televisivi che sono desolatamente uniformati, senti i discorsi del bar, del ristorante o davanti la macchina del caffè e sembra che ci si vergogni a parlare di cose che sono considerate troppo serie. E invece ve n’è  tanto il bisogno, basta vedere come cambiano i discorsi al suddetto bar, o alla mensa se invece di parlare di San Remo o del goal di Totti si azzarda un incipit del genere di quello che ho improvvidamente lanciato oggi, davanti ad alcuni miei nuovi commensali che alla mia malinconia sicuramente originata dalla scomparsa dello scrittore che più di tutti ha fatto della salvaguardia della memoria un tema costante delle sue opere, si sono stupiti quando, citandolo, ho detto che reputavo inconcepibile l’appiattimento del passato che fa ignorare alle nuove generazioni il fatto che per esempio Hitler e Mussolini non si siano incontrati per la prima volta nel 1945, quando erano alla fine dei loro giorni, ma molto prima. Eppure in uno di quei bei quiz normalizzati televisivi la maggioranza dei giovani presenti lo ignorava del tutto.  Oppure di alcuni discorsi antiparlamentari che si sentono fare spesso oggi da quelli che reputano parlamento e politici ormai cotti , morti, poiché tutti corrotti e che “si stava meglio quando si stava peggio” e vorrebbero rimpiazzare tutto con una rivoluzione che vorrebbero fosse democratica del popolo ma che in realtà è dominata dai pochi “guru” di internet o dei pifferai magici che cavalcano le paure del diverso. Interessante rileggere alcuni passi di un primissimo libro di De Felice sul duce (qui la minuscola è volontaria, me ne scuso con i puristi) e rendersi conto che erano gli stessi discorsi che pontificava un allora giovanissimo Benito Mussolini capo popolo, pensate un po’, delle frange dei socialisti rivoluzionari di allora (ancora più a sinistra dei riformisti di Turati) che tuonava contro il governo corrotto di Giolitti, che corrotto lo era veramente soprattutto quando si trattava di risolvere i problemi del sud gestito in maniera clientelare (fin d’allora!). E guarda un po’ la pausa caffè si anima, il pranzo passa via più velocemente, e scopriamo che c’è chi ha letto il libro di storia contemporanea del Villari, chi ha da dire la sua su “Canale Mussolini” e francamente la discussione diventa intellettualmente stimolante, lo stomaco ringrazia per il rinnovato afflusso sanguigno che stimola la digestione con buona pace dei problemi del povero Totti che si strugge l’anima perché non ha più l’età per giocare nella sua “Maggica” (ma ecco un buon motivo per ricominciare, o forse in questo caso dovremmo dire iniziare, a leggere!).

Ed allora ecco che la memoria si dimostra importante, forse un bisogno che per fortuna abbiamo noi esseri umani, consapevoli della nostra morte a differenza degli altri animali del creato. Quella memoria che un tempo si voleva cancellare per evitare lo sviluppo del libero pensiero, come facevano i fanatici dell’abazia del Nome della Rosa preferendo mangiare pagine avvelenate di un libro pur di non vederlo pubblico, o come tentavano i normalizzatori della Stasi o nel premonitore 1984 di Orwell con un sistematico lavaggio del cervello delle masse.

E come forse oggi si rischia di cancellare con un meccanismo piuttosto sottile che i militari esperti di guerre elettroniche conoscono bene, che si chiama “jamming” che viene dall’inglese “jam”: rumore. Quello che rischia di diventare il nostro modo di vivere sommerso dalla montagna di informazioni che riceviamo quotidianamente dalla televisione, da internet, dalle mille attività che facciamo in parallelo, in “multi tasking”, che fatalmente, è dimostrato, riducono la nostra capacità a ricordare, e a tenere viva la nostra memoria.

Ecco perché personaggi come Umberto Eco erano così importanti. Perché portabandiera della memoria.

Mi piacerebbe camminare in una biblioteca grande come quella in cui lo vediamo camminare nel finale di questo video, simbolo magnificente e possente della guida, e della speranza, che possiamo trarre dalla nostra memoria e da quella dei libri che abbiamo letto… e scritto.

https://www.youtube.com/watch?v=Hq66X9f-zgc&feature=youtu.be

Ciao prof!

Melancholia

Melancholia

Science Fiction, 2011
http://en.wikipedia.org/wiki/Melancholia_%282011_film%29

 

 

 

 

 

La sequenza dei primi due minuti iniziali lascia ben sperare. Poi il film entra nella sua prima metà che è incomprensibilmente decontestualizzata.  L’autore ha probabilmente voluto descrivere l’animo depressivo della protaginista, e indubbiamente l’interpretazione della Dunst è notevole, ma in tutta onestà dopo trenta minuti avete il mal di testa (è tutto quasi filmato “a mano”  che vi viene da dare di stomaco) per poi sprofondare in una noia mortale (si narra la storia di un matrimonio di una famiglia alto borghese che cade a pezzi e viene voglia di chiederci “si, ma chissene frega?”). Sarete tentati di alzarvi, andarvene e chiedere i soldi indietro. La prima parte è quindi da dimenticare. Giudizio:  mezza stella per carità cristiana.

Poi inizia la seconda parte più interessante  in cui il regista riesce a trasmettere lo stato di inquetudine e angoscia direttamente dai protagonisti allo spettatore. Verso la fine del film si arriva addirittura a provare un senso di claustrofobia in netto contrasto con l’ariosa atmosfera della foresta svedese e della sontuosa villa di campagna che si erge nel mezzo di un campo da golf da 18 buche.  Gli ultimi dieci minuti sono molto angoscianti, ma va dato il merito all’autore di essere riuscito a trasmettere esattamente quel tipo di impatto emotivo.

E’ il motivo per cui alla fine il giudizio, complessivamente, è “appena” discreto, migliore vivaddio della “catastrofe” del primo tempo, ma senza arrivare a nessuna menzione speciale.

Interessante la scelta della colonna sonora sulle note di Wagner, anche se limitata alla singola “ouverture” del Tristano e Isotta che, riproposta in diversi momenti del film rende le atmosfere alla lunga fastidiosamente ripetitive (forse in maniera voluta) anche se il finale è sontuoso nella sua tragica fatalità.

Dal punto di vista dell “astrofisico” anche se resta un film di fantasia, non manca di un certo interesse scientifico,  e se non altro si capisce immediatamente di non essere di fronte al solito genere catastrofico americano seppur destinato al prevedibile ed inesorabile finale, che per evitare inutili “suspences” il regista propone all’inizio del film anche se lo spettatore dopo il terribile mal di pancia della prima mezzora avrà probabilmente dimenticato!.

In somma il consiglio è di vedervi solo il secondo tempo!

Brazil

Brazil

Science Fiction, 1985

http://en.wikipedia.org/wiki/Dark_City_%281998_film%29

Il film è ispirato a “1984” di Orwell. Girato in modo originalmente “delirante” in modo da riflettere le atmosfere del libro di Orwell, con alcune note originali (inclusa la musichetta brasiliana in netto contrasto con l’atmosfera cupa), la seconda metà del film è obiettivamente pesante (lo spettatore risente dello stato di delirio del protagonista). La tecnica di mischiare fantasia e realtà grazie a trucchi psicologici (deliri ad occhi aperti o no) nel film appare un po’ abusata. Precursore di altri film come Matrix o Dark City.

Tutte le donne vengono al pettine

Tutte le donne vengono al pettine

American Comedy, 2008

Delirante commedia assolutamente politically incorrect. Per chi ama New York, l’umorismo ebraico e una serata senza pensieri.

Super 8

Super 8

Science Fiction2011

Non ne do  un  giudizio pessimo perché una parte di originalità il film ce l’ha (ed è l’ unica), ossia quella della storia del filmino girato in Super 8 mm, e perché se non altro per una metà del film ci si diverte con qualche effetto speciale ma per il resto si “spera”. Aihmé dopo la metà del film si capisce che è un frullato del visto e rivisto ammucchiato alla bell’ e meglio senza troppo grano salis ma giusto per esigenze di marketing. Ci troviamo citazioni scopiazzate da E.T, Alien, Incontri ravvicinati del terzo tipo, messe li senza curarsi troppo della logica (a parte quella del marketing che riutilizza vecchi filoni di successo abdicando definitivamente all’originalità e al’estro cretivo). Non si capisce neanche a chi sia destinato il film (non mi sento di dire che è adatto a dei bambini al di sotto dei dieci anni). In somma in Italia diremmo un cinepanettone. Visto che è prodotto da Spileberg possono permettersi un budget di 50 Milioni di dollari e abbellirlo con effetti speciali di prim’ordine, ma con sceneggiature da spazzatura che manco la satira di Boris potrebbe immaginare. Speriamo vengano puniti dal botteghino contando che in futuro si cerchi di spendere magari meno ma spremersi il cervello un po’ per qualche idea originale in più.

Dark City

 

Dark City

Science Fiction1998

Film precursore di Matrix inspiegabilmente non distribuito in italia. Consiglio il DVD in inglese “the director’s cut” con sottotitoli (purtroppo non esistono in italiano… ). Interessante anche se abbastanza complicato. Finale che lascia diverse interpretazioni.